martedì 20 dicembre 2016

Gorge Coeur Ventre - il trailer francese






Il fumo di sigaretta sbuffato a bella posta sul viso del cane che ti guarda
I muggiti che rimbombano tra i recinti bui
Il belato della pecora smarrita tra i corridoi piastrellati e illuminati

Perché? Perché abbiamo una volta di più bisogno che un cane ci faccia da guida negli inferni che abbiamo creato?
Ci sentiamo soli perché rimaniamo ciechi e sordi ai corpi e ai suoni degli altri animali: forse, loro ci richiamano come se fossimo scappati da casa, ma noi li ignoriamo. Preferiamo trovare risposta ingoiando senza fine tutti gli altri abitanti di questo pianeta.

Gorge coeur ventre
2016 ‧ 1h 22m
Regista: Maud Alpi
Interpreti: Boston (il cane), Virgile Hanrot, Dimitri Buchenet
Produttore: Claire Trinquet, Frédéric Premel, Mathieu Bompoint
Immagini: Jonathan Ricquebourg
Decorazioni: Hervé Coqueret
Scenario: Maud Alpi, Baptiste Boulba
Suono: Philippe Deschamps
Montaggio:Laurence Larre, Anne Gibourt, Romain Ozanne
Addetto stampa:Virgile Hanrot
Dialoghi: Maud Alpi, Baptiste Boulba
Produzione: Mezzanine Films
Coproduzione:Rhône-Alpes Cinéma

Festival del Cinema di Locarno



3 commenti:

  1. Inauguro qui un nuovo modo di 'coccolare' i post. Cioè, cercherò d'ora in poi di inaugurare i commenti, in modo da poter spuntare l'invio notifiche e non perderli di vista. In questo modo, spero anche di non arrivare a rispondere a commenti con ritardi di settimane come in passato a volte è purtroppo capitato.

    Questo trailer di un film che si occupa di animali - di 'questi' animali, poi - aggiunge un titolo all'elenco di film che esplorano la questione animale, da Earthlings in avanti. Spero e conto di parlare di ciascuno di questi, in post venturi

    RispondiElimina
  2. A dire il vero Giovanni ci ingoiamo tutti indistintamente. Dico questo senza polimiche, mi conosci, basta guardare i genocidi, anche di questi giorni, e l'indifferenza generale.
    Per fortuna il cinema sa raccontare.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Santa, è proprio l'indifferenza, la cosa più tremenda. Sembra che gli umani siano disposti ad accettare e banalizzare qualsiasi violenza, prepotenza e atrocità ... finché non la subiscono sulla loro pelle.
      Lo scambiarsi opinioni è salutare, non c'è mai polemica per il gusto di farla. :)
      Sono profondamente convinto, a dispetto della violenza generalizzata, che sia sempre importante e vitale non passarla sotto silenzio. Il 'tutti contro tutti' che livella ogni violenza, in realtà, credo che non sia di nessun aiuto a nessuna vittima.

      Vero, il cinema - quasi tutto - sa raccontare e mostrare certe realtà. Ma noi sappiamo ancora guardarlo, invece che solamente vederlo?

      Un carissimo abbraccio

      Elimina

TUTTI POSSONO COMMENTARE, ANCHE IN FORMA ANONIMA!
dai, i post coi commenti hanno un non so che in più... specialmente se non sono commenti-complimenti e basta :)

SE sei interessat* a seguire La Confidenza Lenta, prova a cercare l'elenco dei lettori fissi e a cliccare sul tasto azzurro 'segui' Dovrebbe permetterti di iscriverti, se ti fa piacere.

In alternativa, puoi lasciare un commento allo stesso post, quando viene condiviso sulla pagina Facebook della Confidenza, e segnalare se vuoi rivederlo ri-postato qui